Home
Search results “Diotallevi nel film romanzo criminale film”
Carminati nel film Romanzo Criminale... Forse...
 
03:05
Ecco chi era Carminati detto "il nero",contatto di unione tra la banda della Magliana e i neofascisti di Roma
Views: 22038 Rommy Marge
Processo Banda della Magliana, Zanzarone Vs Abbatino confronto senza esclusione di colpi
 
35:47
Confronto in tribunale tra Crispino e Zanzarone, uno scontro senza esclusione di colpi, ricordi di un passato criminale, debiti, truffe, perizie, rapine, omicidi e . Processo integrale con interrogatorio a Maurizio Abbatino da parte del PM Maurizio Abbatino detto Crispino (Roma, 19 luglio 1954) è un collaboratore di . Processo reale direttamente dalle aule del tribunale Francesco Amato Interroga : Diotallevi, Marcello Freddi, Roberto Maretto, Giovanni Tigani Alessandro . Maurizio Abbatino detto Crispino e detto il Freddo nel film e nella serie Romanzo Criminale, viene interrogato e messo a confronto con altri imputati durante il .
Views: 1944 George Greenough
Sequestrati beni per 25 milioni di euro alla banda della Magliana
 
01:18
Una lunga storia infinita. Proprio come nel film diretto da Michele Placido o come nella serie che ha reso famosi "Er Dandi", "Er Freddo" o "Er Libanese". La banda della Magliana vive ancora o almeno la scia di quella organizzazione criminale lascia ancora le sue tracce. A finire nei guai uno dei capi storici. I finanzieri del comando provinciale di Roma e i carabinieri del Ros hanno infatti dato esecuzione a un decreto di sequestro di prevenzione nei confronti di Ernesto Diotallevi, della moglie Carolina Lucarini, dei figli Mario e Leonardo e di alcuni "prestanome" individuati. Il sequestro, che arriva all'interno di una operazione denominata "Trent'anni", ha riguardato numerosi beni immobili, autoveicoli, motoveicoli, quote societarie e conti bancari nella disponibilità di Diotallevi e degli altri componenti del suo nucleo familiare, per un valore complessivo di stima pari a circa 25 milioni di euro. Una lunga storia infinita in cui Ernesto Diotallevi è risultato a capo di una complessa e insidiosa realtà criminale, la cui manifesta pericolosità è da lungo tempo cristallizzata negli atti processuali di numerose inchieste giudiziarie. Diotallevi risulta essere uno dei capi storici della famigerata "banda della Magliana", giunta, nel corso del tempo, a disporre di un tale grado di potenza offensiva da permettersi di spadroneggiare nel territorio della Capitale e del Lazio, controllandone la totalità delle più lucrose attività delinquenziali. Nel corso degli anni, forte delle proprie capacità ed esperienze criminali acquisite sul campo, Diotallevi è giunto ad acquisire un certo credito nella ben più ampia e temibile sfera delle organizzazioni della mafia siciliana, conquistando la fiducia dei suoi esponenti di maggior rilievo. Una lunga sotria infinita in cui si trova ampio riscontro in numerosi atti di indagine e giudiziari, che delineano e ripercorrono circa trent'anni di attività criminale italiana (1981-2013), da qui il nome dell'operazione. Il tribunale di Roma, a seguito di richiesta della Dda ha disposto il sequestro di quote societarie, capitale sociale e patrimonio aziendale di 7 società di capitali, operanti nel settore della compravendita di beni immobili, della costruzione di imbarcazioni da diporto e sportive, del commercio energia elettrica, dei trasporti marittimi e delle holding impegnate nelle attività gestionali; una società liberiana, titolare di una lussuosa villa sull'Isola di Cavallo (Corsica); 9 veicoli, tra autovetture e motocicli; 42 unità immobiliari, site in Roma, Gradara (PU) e Olbia. Si segnala, in particolare, tra i beni immobili sequestrati, una civile abitazione di assoluto pregio e valore, a piazza Fontana di Trevi, di ben 14 vani, e un complesso turistico composto da villette a schiera, fronte mare, a Olbia. Una lunga storia infinita, che forse non avrà mai fine.
Views: 708 Cinque Quotidiano
La Banda della Magliana - I Personaggi realmente esistiti
 
05:15
Roma dalla fine degli anni '70 fino agli inizi degli anni '90 si è macchiata di numerosi crimini e delitti, ecco gli autori di tali gesti che hanno fatto parte di un'unica grande organizzazione criminale, la Banda della Magliana. I personaggi piu' importanti sono morti ammazzati dai loro ex compari o stanno scontando lunghe pene oppure hanno scelto di collazoborare con la giustizia. Ecco a voi i veri volti e i veri nomi della banda.
Views: 871378 ale839
L'intervista a Enrico Nicoletti
 
08:22
"Non sono un boss della banda della Magliana" Pino Scaccia - Tv7
Views: 106795 pino scaccia
Fatti della banda della Magliana trailer ita
 
01:28
Realizzato per mezzo della ricostruzione degli atti della Procura di Roma, il film è liberamente ispirato alle vicende relative alla 'Banda della Magliana', un gruppo criminale che ha imperversato a Roma nell'arco di circa quindici anni, dalla metà degli anni '70 fino ai primi anni '90. Le confessioni del boss pentito Luciano Amodio (alter ego di un malvivente realmente esistito) provocano tra i suoi ex-compagni chiamati a testimoniare nell'aula bunker una serie di litigi e screzi. Ognuno, per scagionare se stesso, cerca di raccontare la propria verità e ridimensionare il proprio ruolo, al fine di gettare le responsabilità sugli altri componenti della banda..
26/05/2017- Massimo Carminati 'L'uomo Nero'  (La7)
 
02:00:06
Presentato da Enrico Mentana, il documentario "L'Uomo Nero" di Lirio Abbate, Guy Chiappaventi e Flavia Filippi (voce narrante di Luca Ward) ricostruisce con testimonianze e documenti inediti la storia criminale di Massimo Carminati. Parte dagli anni dell'estremismo di destra, fino a mafia Capitale. Il film racconta la paura che incute il Nero, soprattutto ai testimoni del processo in cui è imputato e per il quale i pm hanno chiesto ai giudici del tribunale la condanna a 28 anni di carcere per associazione mafiosa. E poi ci sono le intercettazioni audio e video che raccontano Carminati.
Views: 407161 Blog EmanuelaOrlandi
L' UOMO NERO - storia di Massimo Carminati
 
02:00:06
il docufilm prodotto da La7
Views: 139137 Lirio Abbate
Carminati conosceva Giuseppucci (er negro)?
 
01:48
Nel processo "Mafia Capitale" in una intercettazione ambientale, confermata da lui stesso in tribunale, Massimo Carminati conferma che con Giuseppucci erano amici: "io lo conoscevo da una vita, era un mio caro amico, abitava di fronte casa mia..."
Views: 6398 Blog EmanuelaOrlandi
Banda della Magliana: Storia
 
00:15
http://www.misteriditalia.tv - La prima biografia di Franco Giuseppucci, in una serie di documentari esclusivi prodotti da Misteri d'Italia TV. La storia della Banda della Magliana attraverso i suoi leaders.
Views: 1638 Misteri dItalia
Canzoniere della Magliana - Fori Fori
 
03:28
CANZONIERE DELLA MAGLIANA Gruppo di teatro e canto popolare che operava nel popolare quartiere della Magliana di Roma, da cui aveva tratto il nome. Hanno rappresentato uno spettacolo dal titolo «Torniamo partigiani », scritto in collaborazione con la redazione del periodico «Nuova cultura» e che venne proposto anche alla palazzina Liberty di Milano. Hanno composto anche numerose canzoni politiche e di lotta, confluite poi nell'LP omonimo da loro inciso. http://www.reverbnation.com/canzonieredimagliana
Views: 267 Paolo Gojo
Sulle Tracce della Banda della Magliana
 
03:32
A Novembre Davide Biondani è sceso a Roma per ricercare la banda criminale più famosa d'Italia, e con l'aiuto di tre perfetti cretini parte alla volta dei luoghi che hanno interessato avvenimenti e fatti di cronaca oramai diventati Storia di questo paese!
Views: 10415 J-Cool
La villa di Nicoletti, boss della Banda della Magliana.wmv
 
01:12
aceva parte dell'enorme patrimonio accumulato nel corso degli anni dai componenti della banda della Magliana e proveniente dalle loro fiorenti e molteplici attività illegali. E' una splendida villa nelle vicinanze del lago di Castelgandolfo. Gli agenti del Commissariato di Albano, diretto da Massimo Fiore, dando esecuzione a un provvedimento di confisca, dopo l'atto di assenso della Corte di Cassazione, hanno permesso al Comune di Castelgandolfo di entrarne in possesso. Incaricata dell'operazione è stata l'Ansbc.
Views: 9326 Paese Sera
MAFIA CAPITALE. Intervista a Renzo Danesi. «Un tempo governavamo solo noi della Magliana».
 
02:01
«Un tempo governavamo solo noi della banda della Magliana». Così parlava qualche anno fa Renzo Danesi, tra gli autori del sequestro Rossellini. "Solo uno di noi poteva fregarci", dice ancora Danesi. E la Banda della Magliana comincia a scricchiolare nel 1983, quando un affiliato decide di pentirsi e racconta tutto. La lunga agonia che ne segue porta gli amici di un tempo a sterminarsi l’uno con l’altro. Maurizio Abbatino, l’ultimo boss della Banda, subito dopo il suo arresto a Caracas nel 1992, si limitò ad un semplice e laconico sorriso per commentare la fine di quell’esperienza irripetibile. NB: i commenti a questo video sono disattivati perché non ho la necessità fisiologica di sapere cosa ne pensa la gente di quello che pubblico. Altrimenti avrei aperto un forum ;)
Views: 351920 Gino Gottlieb
Processo alla banda della Magliana, Interrogatorio Maurizio Abbatino
 
02:38:59
Tutti gli imputati al processo della banda della Magliana, interrogati e messi a confronto tra di loro sui fatti a loro contestati. Banda della Magliana è il nome . Maurizio Abbatino detto Crispino e detto il Freddo nel film e nella serie Romanzo Criminale, viene interrogato e messo a confronto con altri imputati durante il . Processo reale direttamente dalle aule del tribunale Francesco Amato Interroga : Diotallevi, Marcello Freddi, Roberto Maretto, Giovanni Tigani Alessandro . Tutti gli imputati al processo della banda della Magliana, interrogati e messi a confronto tra di loro sui fatti a loro contestati. Banda della Magliana è il nome .
Il burattinaio della cupola
 
09:17
Il mondo di sopra di Massimo Carminati. Un viaggio nella storia criminale del 'guercio' tra crimine e delinquenza politica, oggi in carcere perché ritenuto il capo della mafia capitale. "Nel mondo di sopra politici e imprenditori" spiega Antonio Mancini, oggi pentito, ex boss della Banda della Magliana. (NELLO TROCCHIA)
Views: 316053 La7 Attualità
Banda della Magliana - Sequestro a Boss Diotallevi da Finanza
 
02:08
La GDF ha sequestrato al Boss della Banda della Magliana Diotallevi beni per un milione di euro. Quote societarie, oggetti d'antiquariato ed opere d'arte sono stati sequestrati dalle Fiamme Gialle di Roma e dai Carabinieri del R.O.S. a Ernesto Diotallevi, uno dei capi storici della "Banda della Magliana". L'attività rientra nell'ambito dell'Operazione Trent'anni che, già il 12 novembre scorso, aveva portato al sequestro di numerosi beni, quote societarie e conti bancari nella disponibilità di Diotallevi e degli altri componenti del suo nucleo familiare, tra cui un prestigioso immobile in Piazza Fontana di Trevi, per un valore complessivo di circa 25 milioni di euro.
Views: 1693 Canale25
LA BANDA DELLA MAGLIANA - LA VERA STORIA - Renzo Danesi racconta
 
00:29
Dal 25 novembre su History Channel - Canale 407 di Sky. Scopri di più su: http://historychannel.it/labandadellamagliana/ Renzo Danesi, proveniente dal Trullo, è uno dei "fondatori" della banda. Dal 1992 è detenuto a Rebibbia, dove fa parte della compagnia teatrale del carcere.
Views: 147877 HistoryIT
Roma - Rapine e furti: preso "er Gnappa", ex della Banda della Magliana (15.03.16)
 
02:03
http://www.pupia.tv - Roma - Roma – Manlio Vitale, detto “er Gnappa”, tra i fondatori della “Banda della Magliana”, è stato arrestato, insieme ad altre 23 persone, per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di efferate rapine in abitazioni, furto, ricettazione, detenzione e porto abusivo di armi da fuoco. Circa 200 carabinieri, con l'ausilio di unità cinofile e di un elicottero, hanno eseguito gli arresti, insieme a perquisizioni e sequestri, in tutta la provincia di Roma. Vitale, secondo gli inquirenti, rivestiva il ruolo di referente per i quartieri Tor Marancia e Garbatella, visto il suo stretto legame con Maurizio Abbatino, dal quale era stato designato ad intrattenere contatti con esponenti della 'ndrangheta calabrese e della camorra napoletana. Sequestrati quattro lussuosi appartamenti e sei veicoli riconducibili a Vitale, oltre a una dimora riconducibile ad un sodale. Tutti beni fittiziamente intestati a prestanome. Vitale era tornato alla cronaca nell’ottobre 2010, quando insieme ad altre persone fu sorpreso mentre effettuava il carotaggio di una parete in cemento armato del caveau di una banca del centro di Caserta. Considerato negli anni ’80 uno dei più stretti collaboratori del boss della Magliana Maurizio Abbatino (detto “Crispino”, che ha ispirato “il Freddo” nella famosa serie “Romanzo Criminale”), e amico di Enrico De Pedis, detto “Renatino”, Vitale, 67 anni, noto con il soprannome di “Er Gnappa” (“piccoletto” in romanesco), era il capo della componente dei “testaccini”. Specializzato in stupefacenti e poi in ricettazione di preziosi, Vitale prese parte, l’11 novembre del 1977, al sequestro del duca Massimiliano Grazioli. Arrestato nel ’78, ’80 e ’85 fu coinvolto nell’omicidio di un componente della banda della Magliana, Amleto Fabiani. Il suo nome fu fatto anche per altri due omicidi, quello di un altro appartenente alla banda, Massimo Barbieri, e di una guardia giurata, Umberto Bozzolen, nel corso di una rapina nel 1982. Nel 2000, tra l’altro, fu accusato di essere uno dei mandanti del furto nelle 147 cassette di sicurezza nel caveau della Banca di Roma della cittadella giudiziaria di piazzale Clodio nella capitale. (15.03.16)
Views: 4435 Pupia Crime
Il Fiume e la Memoria - L'ex boss della Magliana si racconta
 
01:21
Stasera a “Il Fiume e la Memoria”, l’ex boss Mancini si racconta. Il fondatore della Banda della Magliana, oggi volontario Anffas, alle 21.00 a Largo dei Frentani. www.rete8.it
Views: 206 Rete8
Prati, ucciso il figlio di un ex della banda della Magliana. Parla Alemanno.wmv
 
03:23
"Non è un problema di Prati ma di criminalità organizzata che appare molto pesante". Lo ha detto il sindaco di Roma, Gianni Alemanno durante il sopralluogo effettuato questa sera, 5 giugno 2011, in via Riccardo Grazioli-Lante dove questa mattina è stato freddato il 33enne Flavio Simmi, figlio di un ex della banda della Magliana.
Views: 11772 Paese Sera
BANDA DELLA MAGLIANA.....riccardo er caciara
 
00:55
grande caciara che manda un mess a quelli de londra
Views: 481 Fabrizio d'angelo
MAFIA CAPITALE. Intervista ad Antonio Mancini. «Carminati m'ha raccontato di aver ucciso Pecorelli».
 
02:49
[MAFIA CAPITALE. Intervista ad Antonio Mancini, ex banda della Magliana] «Carminati mi ha raccontato di aver ucciso Mino Pecorelli.» «Carminati poteva accedere all'arsenale della banda della Magliana.» «Questo è soltanto il 10%. Molte sorprese ci saranno ancora.» «L'arresto di Carminati? Finirà in una bolla di sapone.» «La cosa che mi ha dato fastidio è quel suo sputacchiare nei piatti dove lui mangiava. L'intercettazione dice: "La banda della Magliana erano cialtroni"!? Senza la banda della Magliana lui nun zò cos'era, certamente non aveva il potere che ha adesso.» "Antonio Mancini, in tutto questo clima, adesso, Lei ha paura?" «Chi ha fatto paura, nun pò ave' paura» NB: i commenti a questo video sono disattivati perché non ho la necessità fisiologica di sapere cosa ne pensa la gente di quello che pubblico. Altrimenti avrei aperto un forum ;)
Views: 129211 Gino Gottlieb
Danesi e Mancini su Crispino - La banda della Magliana
 
01:29:35
Maurizio Abbatino detto Crispino e detto il Freddo nel film e nella serie Romanzo Criminale, viene interrogato e messo a confronto con altri imputati durante il . Maurizio Abbatino detto Crispino e detto il Freddo nel film e nella serie Romanzo Criminale, viene interrogato e messo a confronto con altri imputati durante il . Era un delinquente in gamba: Danesi e Mancini raccontano Abbatino, detto Crispino. Scopri di più su: . Confronto in tribunale tra Crispino e Zanzarone, uno scontro senza esclusione di colpi, ricordi di un passato criminale, debiti, truffe, perizie, rapine, omicidi e .
Views: 1648 tsu3355
Banda della Magliana, nell'ufficio der Secco ora c'è un bibliotecario
 
03:19
Era il covo della banda della Magliana, ora è un emporio del riciclo solidale. Ex detenuti, persone con problemi psichici e fisici hanno realizzato il miracolo
Views: 1093 LuissGiornalismo
Processo alla banda della Magliana, Interrogatorio Maurizio Abbatino
 
02:14:24
Tutti gli imputati al processo della banda della Magliana, interrogati e messi a confronto tra di loro sui fatti a loro contestati. Banda della Magliana è il nome . Maurizio Abbatino detto Crispino e detto il Freddo nel film e nella serie Romanzo Criminale, viene interrogato e messo a confronto con altri imputati durante il . Processo reale direttamente dalle aule del tribunale Francesco Amato Interroga : Diotallevi, Marcello Freddi, Roberto Maretto, Giovanni Tigani Alessandro . Tutti gli imputati al processo della banda della Magliana, interrogati e messi a confronto tra di loro sui fatti a loro contestati. Banda della Magliana è il nome .
Views: 74 Patricia Herrera
Carminati, la rapina al caveau
 
05:42
Mafia Capitale: Massimo Carminati, la teoria del mondo di mezzo e la rapina al caveau. Servizio di Giovanni Marinetti, Simone Mele, Andrea Parente e Robero Lucarelli.
Views: 33776 La7
Nel Mondo di Mezzo dalla Banda della Magliana a Mafia Capitale
 
00:39
www.ninomancini.com Nino e Beatrice Nel Mondo di Mezzo prima delle prove Nel Mondo di Mezzo dalla Banda della Magliana a Mafia Capitale in arrivo al teatro Antonio Mancini
Views: 3088 Antonio Mancini
MAFIA CAPITALE. Parla Antonio Mancini membro storico della banda della Magliana
 
01:04
Download video: http://adf.ly/x8MqA → (durata 17:08).
Views: 4890 Gino Gottlieb
#MafiaCapitale - Carminati trasferito a Tolmezzo 13 dicembre 2014
 
02:52
Intercettazioni spunta il nome di Ciavardini Servizio del TGLa7 del 13 dicembre 2014 ore 20:00
Views: 2207 Bosco Arancio
#MafiaCapitale - Chi proteggeva Carminati - 4 dicembre 2014
 
03:11
Servizio del TGLa7 del 4 dicembre 2014
Views: 5865 Bosco Arancio
Banda della Magliana 1.0
 
04:13
Banda della Magliana 1.0
Views: 476 Fabrizio Bia
Un Bar e una pompa di benzina, gli uffici di Carminati
 
02:03
I luoghi da dove Massimo Carminati impartiva gli ordini ai vertici della politica romana
Views: 27929 La7 Attualità
La Banda della Magliana ai nostri giorni, Angela Camuso su Roma Uno 28 Novembre 2011.m4v
 
09:51
In Libreria in tutta Italia da Dicembre 2011 torna dopo il successo di pubblico e di critica "Mai ci fu pietà - La Banda della Magliana dal 1977 a Oggi" di Angela Camuso, edito nel 2009 da EDITORI RIUNITI, con una NUOVA EDIZIONE aggiornata contenente 60 pagine aggiuntive di notizie inedite sull'inquietante presenza della banda ai giorni nostri alla luce dei verbali di un nuovo pentito, il catanese Dario Marsiglia, rivelatrici di una sorprendente babele criminale che ci riporta con un salto spaventoso nel passato. I vecchi boss della Banda della Magliana che silenziosi tornano a mettere le mani sulla città di Roma. Che progettano omicidi negli anni in cui tutti li credono estinti e nella capitale si gira "Romanzo Criminale". Che si riuniscono in summit in ristoranti nel quartiere storico di Testaccio, già roccaforte del celebre Renatino De Pedis. Che stringono alleanze con la mafia di Provenzano, trafficano droga e diamanti, riscuotono il pizzo, controllano il giro di scommesse clandestine e cercano rinnovate entrature nei palazzi del potere. Il nuovo volume contiene aggiornamenti anche sul caso di Emanuela Orlandi e sul mistero della scandalosa sepoltura del bandito De Pedis nella basilica monumentale di Sant'Apollinare. Scheda Tecnica: MAI CI FU PIETA' è la vera storia della banda della Magliana, rigorosamente fedele, in ogni dettaglio, ai documenti giudiziari. Alla luce di centinaia di verbali di interrogatori e di informative riservate di polizia giudiziaria l'Autrice descrive e fa parlare i protagonisti senza omettere nomi, luoghi e circostanze in una sequenza agghiacciante e avvincente di delitti, intrighi e misteri raccontata dalla parte dei banditi assassini, figli maledetti del popolo e della miseria, che iniziano la loro sanguinosa parabola nell'ultimo scorcio dei turbolenti anni '70 per arrivare ai giorni nostri, allorché gli orfani superstiti della banda occuperanno ancora un posto nell'Olimpo della nuova malavita imprenditoriale. Ai loro esordi poco più che ventenni, spietati e boriosi, subdoli ma anche eccezionalmente intelligenti, i capi della banda della Magliana conquistarono Roma eliminando i concorrenti sul mercato dell'eroina e mantennero saldo quel potere di morte grazie al fiuto per gli affari di uno dei suoi capi, Enrico De Pedis, che iniziò a ripulire fiumi di denaro insieme al 'banchiere' Enrico Nicoletti, sopravvissuto alle condanne e ancora attivo ai primordi del III millennio. La banda finì per autodistruggersi, decimata prima da una faida interna e poi da una catena di clamorosi 'pentimenti', che illumineranno tanti misteri d'Italia: sebbene gelosi della loro autonomia, i protagonisti di queste straordinarie imprese furono spregiudicati abbastanza per vendere l'anima a Cosa Nostra, camorra, terrorismo neofascista, P2, Servizi Segreti deviati, politici corrotti ma anche magistrati, avvocati, carabinieri, poliziotti e alti prelati che per denaro o per potere scesero a patti con il diavolo.
Views: 6147 Alessandro Lisci
Processo Mafia Capitale, parla a sorpresa Buzzi
 
02:00
Per la prima volta in audio le parole di Salvatore Buzzi, il braccio economico della cricca criminale guidata da Massimo Carminati, e quelle di un tecnico comunale che sarebbe stato corrotto proprio da Buzzi (GianMaria Pica)
Views: 5098 La7 Attualità
Mafia Capitale, parla la fonte della Tempesta Perfetta: "Manca ancora il Quinto Re di Roma"
 
12:02
Parla ai microfoni di Fanpage la fonte che nel settembre scorso permise al giornale di anticipare la "Tempesta Perfetta" (http://www.fanpage.it/su-roma-sta-per-scatenarsi-la-tempesta-giudiziaria-perfetta/) che si sarebbe abbatutta sulla capitale. Chi parla è un ex membro dell'eversione nera. E ridimensiona il ruolo del "Cecato": "Il problema non è solo Carminati, chi guarda solo questo va a sbattere contro il muro" - "A Roma ci sono tutte le mafie che tessono rapporti con la politica". Chi parla rivela che i "Re di Roma" non sono quattro ma cinque e il quinto sarebbe Salvatore Nicitra, uomo della Magliana e ponte con la mafia siciliana. "Serviva far spazio al nuovo, sia a livello politico che criminale" e ancora "Un'inchiesta così non nasce per caso, si pianifica nel tempo". E sull'arresto di Carminati: "Si sapeva tutto, lo sapevamo tutti". E su Pignatone: "E' venuto a Roma solo per questo, e questa priorità rispetto la ndrangheta la dice lunga". http://youmedia.fanpage.it/video/aa/VI9Nd-SwlA4BYghi
Views: 61387 Fanpage.it
Castel Gandolfo, confiscata villa ex boss della Magliana
 
00:52
http://www.corriereromano.it/roma-notizie/14306/castelgandolfo-confiscata-villa-a-boss-banda-della-magliana.html Andrà al Comune di Castel Gandolfo la grande villa confiscata ad un componenti della ex banda della Magliana, l'ex tesoriere Enrico Nicoletti. Il fabbricato sarebbe stato acquistato con le attività illecite del gruppo criminale. Si tratta di una splendido edificio di 450 metri quadrati, diposto su tre piani, nei pressi del lago di Castel Gandolgo.
Views: 823 corriereromano
Mafia Capitale Operazione Mondo di Mezzo - Sequestri Finanza Roma
 
01:23
L'operazione Mondo di Mezzo in Mafia Capitale della Finanza passa ai sequestri di ingenti proprietà per un valore di circa 100 milioni di euro. Comunicato stampa della Guardia di Finanza: “MAFIA CAPITALE”: NUOVA OPERAZIONE DELLA GUARDIA DI FINANZA - SEQUESTRATO L’INTERO PATRIMONIO RICONDUCIBILE A GUARNERA CRISTIANO, TRA CUI 181 TRA IMMOBILI E TERRENI, PER UN VALORE STIMATO DI CIRCA 100 MILIONI DI EURO. Operazione “MONDO DI MEZZO” Nella mattinata odierna, i Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, in prosecuzione delle attività svolte il 2 e l’11 dicembre scorso unitamente al R.O.S. dell’Arma dei Carabinieri, hanno eseguito il sequestro dell’ingente patrimonio riconducibile a GUARNERA Cristiano. Il nuovo provvedimento di sequestro, emesso dal Tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione, a seguito di richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Roma, eseguito da parte del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Tributaria della Capitale, riguarda le quote societarie, il capitale sociale e l’intero patrimonio aziendale, ivi comprese le disponibilità finanziarie, della: EDILIZIA PIERA S.r.l., con sede a Roma IMMOBILIARE TORRE ARGENTATA COSTRUZIONI S.r.l., con sede a Roma VERDEPAMPHILI S.r.l., con sede a Roma I.G.M.A. COSTRUZIONI S.r.l., con sede a Roma GRUPPO IMMOBILIARE UNIVERSO S.r.l., con sede a Roma nonché, il 52% del capitale sociale della DEVIL CUSTOM CYCLES S.r.l., con sede a Roma, operante nel settore della manutenzione e riparazione di veicoli; nr. 181 unità immobiliari (n. 178 immobili e n. 3 terreni), site a Roma, Sacrofano (RM), Mentana (RM), Villaricca (NA) e Pordenone; nr. 1 imbarcazione da diporto, modello MAXIM 45, di metri 14,54; nr. 10 auto/motoveicoli; disponibilità finanziarie, intestate al GUARNERA e terzi interessati. Il tutto per un valore di stima pari a circa 100.000.000 di euro. In seno all'associazione “MAFIA CAPITALE”, facente capo a CARMINATI Massimo, la figura di GUARNERA Cristiano si è nel tempo evoluta, trasformandosi da imprenditore colluso ad imprenditore mafioso, affiliandosi al gruppo criminale e divenendo parte integrante dell’associazione stessa, mettendo a disposizione dell’organizzazione le proprie imprese nel settore dell’edilizia. Nel dettaglio, proprio grazie all'intervento del CARMINATI, alcune delle imprese riconducibili al GUARNERA - oggi in sequestro – venivano coinvolte per il soddisfacimento delle esigenze connesse al piano di “emergenza abitativa”, promosso dall'amministrazione capitolina, nel quale, grazie alla capacità di penetrazione del sodalizio mafioso, erano da tempo inserite le cooperative del noto BUZZI Salvatore.
Views: 132 Canale25
Roma - Partite di poker truccate, arrestato ex della Banda della Magliana (17.09.15)
 
01:10
http://www.pupia.tv - Roma - La Guardia di Finanza ha eseguito tre ordinanze di custodia cautelare (ai domiciliari) nei confronti di altrettanti indagati, gravemente indiziati dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di truffe attraverso l’organizzazione di partite di poker truccate. Le ordinanze, emesse dal gip del Tribunale di Roma, si inquadrano nell’ambito di un’articolata indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia capitolina. Capo del sodalizio criminoso è risultato essere il pluripregiudicato romano, Vincenzo De Angelis, meglio conosciuto come “er Caprotto”, con trascorsi giudiziari anche quale componente della Banda della Magliana. Per le proprie truffe l’organizzazione criminale si avvaleva di metodi alquanto ingegnosi, consistenti nell’utilizzo di carte da gioco segnate da piccole incisioni, che venivano realizzate con un ago, e di particolari “segni” realizzati con un inchiostro speciale: tali accorgimenti consentivano al mazziere di riconoscere le carte da gioco al tatto; in altri casi l’organizzazione selezionava delle “persone di fiducia” che avrebbero riportato le vittorie e le perdite fittizie. In tal modo, i componenti dell’organizzazione avevano truffato ignare e facoltose vittime, ottenendo ingenti profitti illeciti. Nei confronti dei tre arrestati, organici al sodalizio criminale, sono in corso anche perquisizioni finalizzate all’acquisizione di ulteriori elementi utili al prosieguo delle indagini. (17.09.15)
Views: 798 Pupia Crime
Sacrofano, nel feudo di Massimo Carminati
 
02:45
Marzia Amico nel quartier generale di Mafia Capitale
Views: 23466 La7 Attualità
Partite milionarie di poker truccate, tre arresti
 
01:13
In manette un ex esponente della Banda della Magliana
Views: 20 LazioTV MediaVideo
La banda della Magliana...
 
01:14
Che brividi ...
Views: 190 Vittorio Buonsanti
Mafia Capitale, spunta la ‘Ndrangheta
 
01:19
Due arresti a Roma e a Latina. La holding criminale di Massimo Carminati avrebbe avuto rapporti con il clan Mancuso di Limbadi.
Views: 851 LaC TV
[Settimanale Tgr Lazio] Roma criminale: bande di quartiere o mafie?
 
06:40
Servizio trasmesso il 18 febbraio 2012 nel Settimanale del Tgr Lazio. Con il magistrato e scrittore Otello Lupacchini si discute della criminalità a Roma e della lunga serie di omicidi che ha insanguinato la Capitale. Qualcuno tenta di minimizzare parlando di "bande di quartiere", ma sarà veramente così? Intanto, torna in carcere Michele Senese, uno dei principali esponenti della criminalità romana. Servizio di Alfredo Di Giovampaolo, riprese Massimo Tinagli, montaggio Massimo Baccaro.
Views: 8792 cronachedallastrada
Roma, Operazione "Mondo di Mezzo", 37 gli arresti. I dettagli, i nomi, le foto e i video video n  4
 
00:40
OPERAZIONE “MONDO DI MEZZO” ___________ 1. Il R.O.S., unitamente ai Comandi dell’Arma territorialmente competenti, sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e agli arresti domiciliari, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 37 indagati per associazione di tipo mafioso[1], estorsione, usura, corruzione, turbativa d’asta, false fatturazioni, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio ed altri reati, con l’aggravante delle modalità mafiose (art. 7 L. 203/1991) e per essere l’associazione armata. Ulteriori 40 indagati a piede libero, raggiunti da un’informazione di garanzia emessa dalla Procura Distrettuale Antimafia per i medesimi reati, sono sottoposti a perquisizione locale e personale. Contestualmente, nell’ambito di un parallelo procedimento di prevenzione, sulla base degli elementi investigativi raccolti da questo Raggruppamento, il locale Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza, a seguito di ulteriori accertamenti economico-patrimoniali, sta eseguendo il sequestro dei beni riconducibili agli indagati, emesso dal Tribunale di Roma, per un valore complessivo di 204 milioni di euro. Gli interventi interessano le province di Roma, Latina e Viterbo. 2. I provvedimenti scaturiscono da un’attività investigativa avviata nel 2012 dal Raggruppamento, sotto la direzione della Procura Distrettuale Antimafia di Roma, nei confronti di un’organizzazione mafiosa radicata nella Capitale, facente capo a CARMINATI Massimo[2], pluripregiudicato, già appartenente all’organizzazione terroristica dei N.A.R. e strettamente legato allo storico sodalizio criminale denominato “Banda della Magliana”, nonché coinvolto in diverse vicende processuali afferenti a gravi ed eclatanti episodi delittuosi[3]. Le indagini hanno accertato l’operatività di una ramificata e pervasiva struttura mafiosa, “Mafia Capitale” che, nel tempo, ha assunto caratteri di originalità, differenziandosi significativamente dalle cosiddette mafie tradizionali. Avvalendosi dello storico legame con esponenti dell’estrema destra romana, alcuni dei quali divenuti esponenti politici o manager pubblici, il sodalizio si è gradualmente dimensionato in un’organizzazione di tipo evoluto, dedita alla sistematica infiltrazione del tessuto economico ed istituzionale, con una struttura tipicamente mafiosa ed un apparato in grado di gestire i diversificati interessi illeciti. In particolare, per quanto attiene alla mafiosità del sodalizio, sono stati acquisiti tutti gli elementi che ne caratterizzano la sussistenza, con riferimento alla struttura gerarchizzata, alla segretezza e al rispetto del vincolo associativo, all’assistenza legale fornita agli affiliati detenuti ed ai familiari, alla disponibilità di armi ed, in primo luogo, all’utilizzo del c.d. metodo mafioso connotato dall’esercizio di un forte potere intimidatorio. In tale ambito, sono emersi anche gli stretti rapporti con esponenti apicali di organizzazioni di altissimo profilo criminale operanti nella Capitale, quali: - il clan camorrista facente capo a SENESE Michele, radicato a Roma sin dagli anni ’80 e dedito al traffico internazionale di sostanze stupefacenti; - il clan CASAMONICA, attivo nel quadrante sud-est della città e dedito ad una vasta gamma di attività delittuose, in particolare usura e riciclaggio; - DIOTALLEVI Ernesto[4], già appartenente alla Banda della Magliana con compiti di riciclaggio dei capitali illeciti, e DE CARLO Giovanni[5], subentrato al primo nello scacchiere delinquenziale romano; - proiezioni del clan mafioso catanese di SANTAPAOLA;

Cover letter for customer support executive
Cover letter document specialist
Sample cover letter executive director position summary
Online admission university of burdwan
Jobs applications for 15 year olds in memphis tn